• L’insegnante di yoga in occidente ha un compito piuttosto complesso, quello di trasmettere un corpus di insegnamenti che nascono all’interno di un contesto culturale specifico e che ha origine in tempi remoti. I testi della tradizione sono solitamente scritti sotto forma di sutra, brevi aforismi molto sintetici e spesso dal significato non così definito e comprensibile. In questi testi è contenuto un sapere riguardante l’uomo considerato nell’ spettro della sua esistenza, da quello religioso (Veda) a quello esistenziale e filosofico (Upanisad, Vedanda, Bhagavad Gita), psicologico (Yoga Sutra),  fisco e  igienico (Hata-Pradipika) sempre che si sia d’accordo a tralasciare tutta la tradizione filosofica (e yogica) Sivaita Kashmira, considerata una delle forme più alte forme di pensiero mai raggiunte da mente umana.
  • Lo yoga ha un principale obiettivo tra i molti che si propone: quello di orientare l’individuo verso uno stato di libertà vale a dire liberazione dal dolore e ampliamento delle sue possibilità di espressione e azione. Il mercato oggi propone corsi di formazione che durano poche settimane o poche centinaia di ore. È sufficiente un tempo così ridotto per elaborare un sapere così vasto? Va ricordato che nei confronti dello yoga elaborare vuol dire innanzitutto acquisire concetti e linee  ricavate da testi spesso impenetrabili,  attualizzarle, saperne ricavare delle pratiche e infine essere in grado di trasmetterle.
    Cosa differenzia lo yoga da tante discipline a indirizzo corporeo che oggi la cultura occidentale mette a disposizione? La peculiarità sta proprio in questa visione unitaria dell’uomo, all’interno della quale spirito, materia, corpo, emozioni, mente, spirito, sono intimamente connessi.
  • Diventare insegnante, educatore, è arte che per essere tale richiede diverse competenze. Competenze tecniche ed emotive e non solo. L’aspirante dovrà attivare il suo pensiero creativo, creatività unita a rigore, dovrà essere disponibile,  fluidità combinata a fermezza, dovrà essere preciso ma non ossessivo e giudicante. Lo yoga è una educazione alla libertà, educazione all’auto-realizzazione e quanti aspiranti guru impongono regole, stili di vita, dottrine, visioni del mondo che credono essere perfette ma che spesso sono degli stereotipi assemblati con moralismo, idealismo, narcisismo.
    Lo yoga non può essere insegnato utilizzando codici e regole da vita monastica ma non può nemmeno essere ridotto a una disciplina sportiva, atletica anche se nessuno in realtà lo potrebbe vietare.
  • L’insegnante per saper creare il livello più alto di libertà dovrà mettere in condizione il suo allievo di dedicarsi all’ascolto di sé, questo è uno dei modi più adeguati che si potrà utilizzare nella pratica di yoga. L’insegnante non si porrà più come modello ideale, deux ex machina, ma come accompagnare verso progressivi gradi di consapevolezza che l’allievo potrà sperimentare all’interno del proprio essere.

  • La domanda che prepara all’ascolto:” Il primo yogi non aveva guru altrimenti non sarebbe stato il primo. Cosa ha fatto allora il primo yogi? Ha ascoltato. Il punto è ritornare a questo ascolto originario. La tradizione dello yoga è inscritta nel corpo, non è scritta nei libri, è inscritta nell’ascolto.
    insegnare-yogaSe ritrovo questo ascolto avrò la trasmissione diretta. Tutte le altre trasmissioni, in fin dei conti, sono sempre approssimative. In poche parole: il guru è l’ascolto. Ciò che è formulato nei testi antichi non deve essere preso alla lettera. Se si mette la parola ascolto al posto della parola guru, ogni testo diventa chiaro. Ma colui che si mette alla ricerca di un guru, un grande guru, non troverà nient’altro che la sua intenzione.
    Se si ha la fortuna di imbattersi in un vero guru, che si renda conto di come funziona un discepolo, a quel punto ha luogo la trasmissione, che non è dunque da un Maestro a un discepolo, ma è direttamente dalla realtà, dalla visione del nostro modo di funzionare”. E. Baret

 

 

 

Diventare insegnante

Richiesta informazioni

Compila questo modulo per richiedere ogni tipo di informazione sulle attività del centro. Sarai prontamente contattato.
Ti preghiamo di compilare tutti i campi obbligatori.

Questo sito web utilizza cookie tecnici per assicurare una migliore esperienza di navigazione; oltre ai cookie di natura tecnica sono utilizzati anche cookie di terze parti.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.